Windows 8, o meglio 8.1 è (per ora) l’ultimo sistema operativo messo in commercio dalla società di Redmond, sicuramente è anche il più chiacchierato e meno apprezzato della storia di Microsoft, superando di gran lunga il già (quasi) dimenticato Windows Vista. Uno dei difetti che molti utenti lamentano è la nuova interfaccia a blocchi (introdotta con windows phone) con tutte le sue funzioni e schermate alternative, la quale, spesso, risulta macchinosa nello svolgere le azioni di tutti i giorni, soprattutto per chi con il PC ci lavora. La pecca peggiore però (secondo un sondaggio in rete) è la soppressione, o meglio, il restyling completo del menù START, questo ha completamente spiazzato la maggior parte degli utenti, abituati (da quando è nato windows) ad accedere alle principali funzioni del sistema dal menù START, appunto. Io personalmente, ho avuto modo di testare la versione 8.1 enterprise (e tutt’ora ci smantetto un po) installata con macchina virtuale su un MacBook Pro con processore i7, 16 GB di RAM e disco a stato solido SSD, devo dire che non mi è dispiaciuto per nulla, l’ho trovato abbastanza fluido, reattivo e veloce nell’avvio (questo grazie anche al disco a stato solido del mio Mac che è velocissimo) l’interfaccia a blocchi non è entusiasmante ma neppure totalmente da buttare (forse perché essendo un utente xbox non ho trovato nulla di particolarmente nuovo o eclatante), la schermata delle app invece, è facilmente accessibile e la trovo migliore rispetto alla visualizzazione classica, forse perché “ricorda” vagamente il Launchpad di Mac OS X, in effetti però, forse la pecca più grande è veramente il tasto start, che non giustifica (secondo me) tutte le critiche ricevute in questi mesi (questa è solo la mia opinione personale). Ad ogni modo Microsoft è corsa ai ripari, invece di rilasciare degli aggiornamenti mirati a risolvere i problemi lamentati dagli utenti, ha sviluppato direttamente un nuovo sistema operativo che è stato presentato pochi giorni fa, Windows 10. Quindi se volete avere il menù start classico, potete usare lo stratagemma che descriverò di seguito:





scaricate Classic Shell da qui escegliete la versione in Italiano (se volete), scegliere l’opzione Salva e scarica il file sul Desktop, attendete il termine del download e avviate l’installazione normalmente.
quando la procedura di installazione sarà terminata (ci vorranno pochi secondi) fare click sul tasto start e si aprirà la schermata di configurazione

classic-shell-configurazione-02

Ora potete settare il menù start come meglio vi piace, potrete anche scegliere i contenuti da visualizzare e lo stile del pulsante, semplice no? Ecco che è tornato il caro e vecchio menù Start.






Condividi sui tuoi social preferiti

64v1n79

Programmatore freelance, da sempre appassionato di tecnologia e informatica.

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *