Chissà? Forse sarà un mercato miliardario in futuro. E’ una cosa che non capita molto spesso. Si apre un intero nuovo mercato miliardario.

Con queste parole Steve Jobs definiva l’AppStore per iOS appena lanciato, durante un intervista al Wall Street Journal nel 2008.

Diciamo che aveva ben chiaro cosa sarebbe diventata la sua creatura.

Citazioni a parte, tutti sappiamo quanto si sia evoluto iOS in questi anni, di conseguenza anche AppStore si è dovuto mantenere al passo con i tempi, nonostante tutto continua ad avere dei limiti imposti, uno su tutti il limite di 150 MB sui download da rete cellulare (per non consumare tutto il traffico dati. ndr.). In principio questo limite era fissato a 20 MB, poi pian piano si è evoluto passando a 50 MB, poi a 100 MB, fino ai 150 MB attuali. L’unico modo per effettuare download oltre questo limite è connettersi ad una rete wi-fi.

C’è però una soluzione alternativa e molto semplice che permette di bypassare questo limite senza utilizzare il wi-fi, quindi utilizzando la propria rete cellulare.

AppStore -Step1

appstore
  • Aprire AppStore e cercare l’applicazione che si desidera scaricare (ovviamente col Wi-Fi disattivato e/o non connesso) ed avviare il download, come già saprete si aprirà un popup che ci avverte che per proseguire il download sarà necessario connettersi ad una rete wi-fi. Ignorate premendo il tasto home (fino ad iPhone 8) o swipe verso l’alto (da iPhone X).

Dashboard -Step2

appstore
  • Come potete notare l’ultima icona in basso a destra nello screenshot qui di fianco, il download resta in standby, bene proseguiamo…

Impostazioni -Step3

appstore
  • Ora è necessario andare in impostazioni-generali-data e ora e disattivare il swich automatico nel caso in cui sia attivo, quindi modificare la data andando oltre l’anno in corso, quindi dal 2020 in poi; uscendo da impostazioni e visualizzando la sprigboard (la home) vedrete che il download precedentemente messo in standby da iOS, partirà automaticamente. Terminato il download risettate la data in modalità automatica e godetevi la vostra app.

Bene, abbiamo finito! Se avete curiosità scrivetelo nei commenti e/o nel nostro gruppo facebook ed ovviamente condividetelo!!!

Se vi è piaciuto l’articolo, spero possano risultare altrettanto interessanti
i link delle nostre Rubriche:

Condividi sui tuoi social preferiti

64v1n79

Programmatore freelance, da sempre appassionato di tecnologia e informatica.

1 commento

Matteo · 29 Gennaio 2019 alle 22:50

Grazie??, articolo utilissimo! ????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *